Viareggio e Torre del Lago Puccini: due fiori all’occhiello della Versilia

A sud della Versilia sorgono due città famose in tutto il mondo, vale a dire Viareggio e Torre del Lago Puccini, che impropriamente ne vengono considerate parte. Questo errore di minimo conto deve le proprie origini al periodo fascista, durante il quale venne istituita l’Azienda Autonoma Riviera di Viareggio e della Versilia, che inglobava tutte le città costiere da Massa a Torre del Lago; di conseguenza e per comodità questa grande area è oggi conosciuta come Versilia.

Viareggio e il carnevale. La città di Viareggio è il secondo comune più popoloso della Provincia di Lucca e si affaccia sul Mar Tirreno, con 10 km di spiagge sabbiose e dorate. La sua storia comincia nel 1172 quando fu edificato il primo castello chiamato “Castrum de Via Regia” (da cui poi venne il nome di Viareggio) da parte di Lucca e Genova, alleate contro Pisa. L’importanza strategica del posto stimolò la crescita della città, ma la zona al tempo era paludosa e malarica. Nel 1534 fu eretta la magnifica Torre Matilda attorno a cui sorse il primo centro abitato, tuttavia soltanto un secolo dopo si iniziarono i lavori di bonifica del territorio, che terminarono intorno al 1741. Di seguito, si decise di innalzare una barriera per proteggersi dal vento di mare e furono piantate le famose pinete e quello che ora è conosciuto come il Parco Naturale Regionale Migliarino – San Rossore – Massaciuccoli. Infine, nel 1828 vennero aperti i primi stabilimenti balneari; a inizio Novecento Viareggio fu denominata “Perla del Tirreno” poiché era diventata un centro mondano rinomato in tutta Europa, in particolare grazie all’architettura a metà tra eclettismo e stile liberty. Durante la Seconda Guerra Mondiale Viareggio subì un pesante bombardamento, in cui interi quartieri vennero distrutti, ma alla fine della guerra venne tutto ricostruito, dalle case agli stabilimenti balneari.
Nata e cresciuta grazie alla presenza del mare, è sempre a quest’ultimo che Viareggio deve la propria fama e fortuna. Infatti, in quanto città di mare, Viareggio appartiene ai pescatori, i quali nel corso del tempo hanno inventato dei tipi di imbarcazione che li agevolassero nel loro lavoro, come il barcobestia, il brigantino goletta e la paranza viareggina, da cui prende il nome il succulento e rinomato fritto misto di pesce.
La città di Viareggio è indubbiamente una meta amata dai turisti di tutto il mondo per le sue spiagge, per il lungomare in stile liberty lungo cui passeggiare e prendersi un gelato, ma anche per il Carnevale. Questa tradizione risale al 1873, quando alcuni ricchi borghesi decisero di travestirsi per protestare le tasse troppo alte. Da allora la tradizione si modificò e migliorò se stessa, fino alla costruzione dei grandi carri allegorici che ogni anno portano allegria, maschere, musica e tanto divertimento per le strade della città.

Torre del Lago Puccini e la musica lirica. A pochi km da Viareggio, c’è la cittadina di Torre del Lago Puccini. La prima parte del nome è stata scelta per la presenza della Torre del Turco che si affaccia sul grande lago di Massaciuccoli, mentre l’appellativo Puccini è stato aggiunto nel 1938, in onore del compositore che visse e compose per molti anni nella sua villa sul belvedere del lago. Il territorio di Torre del Lago è piuttosto esiguo, poiché è occupato in gran parte dal lago di Massaciuccoli, lungo le cui sponde si può passeggiare e fare un giro in bicicletta; inoltre è possibile visitare Villa Puccini, che come già accennato si trova proprio di fronte al lago.

L’estate è la stagione migliore per viaggiare e per visitare le città piccole e grandi della costa versiliese, semplicemente perché il sole, illuminando tutto il visibile con i suoi raggi, le rende ancora più belle di quanto già non siano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.